l'autore del sito
i nostri collaboratori
il blog di jacopo
blog fotografico
motore di ricerca
r i s o r s e   o n l i n e   s u l l a   f i l o s o f ia   e   l ' i n f o r m a t i c a
sito v.1.6.0
menu principale vuoi collaborare con questo sito? clicca qui

Pillole di Saggezza
«»



BREVE SAGGIO SUL BUDDHISMO a cura di Japhy Smith

Molti pensano al Buddhismo come ad una filosofia più che come ad una religione.
Personalmente ritengo che si tratti di opinioni sbagliate,mi sembrerebbe più adeguato dire che il Buddhismo offre una via filosofica per arrivare a Dio.

IL BUDDHA
Fondatore di questa religione fu Siddharta Gautama Sakyamuni, figlio del principe Sakya di Kapilavastu (Nepal).
Siddharta era un principe venuto al mondo con grandi progetti, possedeva infatti tutti e trentadue segni fisici dell'illuminato, la madre Maya morì dandolo alla luce, ma anche questo era stato previsto.
I Brahmani della corte dei Sakya riferirono al principe che suo figlio aveva due possibili strade davanti a se: diventare un grande sovrano o diventare illuminato.
Siddharta visse una vita tranquilla dedicata allo studio dei Veda fino a quindici anni, quando accortosi delle malattie morali e fisiche del mondo, abbandonò il suo palazzo per affrontare la sannyasy, ovvero diventare asceta.
Si unì ad un gruppo di sannyasa nella foresta dove affrontò lunghi digiuni e automortificazioni corporali senza raggiungere il risultato sperato.
Abbandonò i suoi compagni asceti che gli dissero che era troppo debole interiormente.
Siddharta pensava che le automortificazioni non portassero a niente e che ci voleva una via più concreta per il raggiungimento del Bodhi (illuminazione).
Si ritirò in perfetta meditazione sotto ad un albero di fico (albero dell'illuminazione) per quarantanove giorni nei quali arrivò a comprendere la natura delle quattro nobili verità:

1. La nobile Verità della sofferenza: l'uomo è nato per soffrire
2. La nobile Verità delle cause della sofferenza: l'uomo che vive di passioni, di desideri, di terrene paure, è destinato a soffrire
3. La nobile Verità dell'estinzione della sofferenza: l'uomo che elimina le cause della sofferenza, è sicuro di vedere una fine ad essa
4. La nobile Verità della via che porta alla fine della sofferenza: Il Dharma è la via sicura per l'estinzione della sofferenza.

Egli si risvegliò ed era il Buddha, era giunto alla comprensione del sublime significato della vita umana e della sofferenza degli uomini. Era propriamente definibile Cosciente, Intelligente.
L'illuminazione avuta dal Buddha era una totale insensibilità riguardo le questioni materiali, l'estinzione dei desideri e delle passioni lo aveva portato in uno stadio di superiorità, aveva attraversato il fiume che divideva la vasta regione dell'ignoranza dalla piccola isola della vera conoscenza.
Aveva raggiunto quello che Platone chiamerebbe l'iperuranio, il bello fu che lo trovò dentro di se e non in un qualche posto aldilà del cielo (lo stesso Platone dice che chi cerca L'assoluto con il capo per aria non troverà mai le risposte che cerca, che sia un modo per dirci di guardare dentro di noi? un modo per dirci che in realtà Dio è dentro di noi? Chissà...)
Qualunque cosa fosse, Buddha la trovò.
Ora inizia un po' la parte mitica della sua storia, pare che non fosse in grado di esprimere questa sua sensazione di illuminato (il vero essere non è esprimibile, e l'illuminazione di cui godono i Buddha è il vero essere, perché è immutabile, è impossibile infatti che un illuminato ritorni indietro, perché ciò che sa non glielo permetterebbe mai, la sua conoscenza è tale da non poter ritornare allo stato pienamente umano, la sua conoscenza è pura,completa ed immutabile)
Brahma, il Dio creatore del mondo materiale, secondo nella catena dei maestri spirituali dopo Krisna,suo creatore, maestro ed amico, disse a Buddha che avrebbe potuto parlarne liberamente, perché ora gli era stato dato il potere di farlo.
Buddha tenne il primo discorso sul Dharma ai cinque asceti che lo avevano offeso e che divennero suoi primi discepoli.
Il Dharma è la Dottrina, il caposaldo del mondo, tutte le cose ruotano intorno al Dharma, seguire il Dharma è il modo migliore per uscire dall'incubo del samsara.
Per samsara si intende il ciclo delle rinascite che ogni individuo subisce come ciclo di purificazione a seconda del suo Karma, ovvero a seconda delle azioni compiute in vita, una donna che abortisce, ad esempio, si reincarnerà per 100 volte in un feto che verrà a sua volta abortito, tanto per far capire...
Il Dharma è il veicolo per l'illuminazione, l'illuminazione ci porta al di fuori della soggezione al samsara, questo si può riassumere nel concetto di Nirvana: stato della mente pura,non contaminata.
Buddha ebbe a suo seguito miriadi di monaci che a loro volta fondarono migliaia di monasteri in tutta l'India.
Morì per un avvelenamento da cibo, i suoi resti sono contenuti nelle stupa, che si trovano in vari monasteri sull'Himalaya indo-nepalese.
[...]

Il testo nella sua versiona completa lo puoi scaricare - per una comoda lettura - cliccando sul link poco sotto. Per commenti, suggerimenti o domande puoi contattare l'autore, Japhy Smith, scrivendo al suo indirizzo email: bigtonnella@hotmail.com.

 

Scarica la versione .DOC - [33KB] - Compatibile con Microsoft Word.
Scarica la versione .PDF - [78KB] - Compatibile con Adobe Acrobat Reader.
Leggi la versione .HTML - Solo nel caso gli altri formati non vadano.

Copyright (c) 1996-2002 by Jacopo Agnesina
This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication License, v1.0 or later.
(the latest version is presently available here).