l'autore del sito
i nostri collaboratori
il blog di jacopo
blog fotografico
motore di ricerca
sito v.1.6.0
menu principale vuoi collaborare con questo sito? clicca qui

Pillole di Saggezza
«»



EMAIL A BABBO NATALE di: Didimo Chierico

Caro Babbo Natale,
non hai mai risposto alle mie letterine di quand'ero bambino... forse perché non ho mai avuto il camino o forse perché io fin da bambino sono stato animato da un forte scetticismo che mi portava a dubitare filosoficamente di tutto, ma non solo di te (non farne una questione personale, ti prego!): la verificazione empirica dei miei dubbi la ebbi quando sorpresi i miei che allestivano i balocchi, splendidamente impacchettati, sotto l'addobbatissimo albero di natale. Ma ciononostante credo ancora in te: perché ho bisogno di credere in qualcosa, di illudermi un poco. Anche se non ho il camino, prova a calarti in qualche altro modo (solo non usare le pasticche, per carità!!!). E' piuttosto strano - vero? - ricevere non più le letterine di natale, ma l emails di natale? Vabbè, adesso non fare l'heideggeriano, Babbo Natale! La tecnica ha i suoi vantaggi, inutile negarlo! Nella storia hai sempre dovuto percorrere le distese celesti trainato dalle povere renne, costrette a sobbarcarsi il tuo ingente peso: ora potrai senz'altro disporre di mezzi più sofisticati, che rendono più agevole il tuo ufficio. Hai ragione a lamentarti che oggigiorno, impigliati nel groviglio delle molteplici faccende che ci intrattengono, prestiamo poca cura al Natale: però sappi - e te lo garantisco - che non so se esista lo Spirito del mondo di cui ciarla Hegel, però sono certo che ci sia lo Spirito del natale, e tutti un po' lo sentiamo, credenti e non credenti; e tu ne sei l'emblema: gioviale e ben disposto, virilmente forte pur nella tua anzianità, sei il nonno che tutti vorremmo. Chi ti ha visto può dire di aver visto lo Spirito del natale sulla slitta. Tutto è impregnato dello Spirito del natale! Le luci sgargianti lampeggiano nelle vie, le vetrine sono ornate all'inverosimile, la città è un caleidoscopio mirabile, la natura pulsa di un inusitato vigore, un tripudio vitale di sfumature variopinte: perfino il telegiornale è diverso, fra l'annuncio di una guerra e di una strage ne approfitta per augurarmi buon Natale. Non so se il Natale che ogni anno viviamo sia cristiano, pagano o chissà che altro: oserei piuttosto dire che è il magico incontro di un'incredibile molteplicità delle culture più disparate, ma non so se sia poi corretto. Certo che quel vestito rosso da bolscevico con quel barbone rigoglioso che penzola dal tuo mento di arzillo vegliardo ti si attaglia, ah se ti si attaglia! Anche per quest'anno ti chiedo pace e buona volontà per tutti i fratelli Filosofi, che con me cercano di percorrere gli ardui sentieri della conoscenza in questo nostro peregrinare terreno: il regalo più bello che tu mi possa fare è di donarmi le chiavi della Filosofia, per poter veramente accedere nella sua intimità, raggiungendo luoghi inesplorati e aggrapparmi a qualche verità. Inoltre, se ti capita - ma prima soddisfa le esigenze di chi ha davvero bisogno del tuo aiuto! - , potresti inviarmi uno dei tuoi folletti a darmi una mano con il sito, perché io ce la metto tutta, ma c'è sempre troppo da fare!!! E aggiorna di qua, e correggi gli errori di là, e modifica quest'altro... proprio vero quel che diceva Antonio Banfi: la filosofia è una cosa per spiriti forti!
Didimo Chierico

Per commenti sul testo puoi partecipare al forum (www.forum.portalefilosofia.com).

Copyright (c) 1996-2002 by Jacopo Agnesina
This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication License, v1.0 or later.
(the latest version is presently available here).